Misogino

12,50 

Il protagonista è un misogino. L’azione richiama diversi e distinti periodi della sua vita, la fanciullezza, la gioventù, la maturità e la vecchiaia. Importanti l’azione inziale e l’azione finale del racconto che si svolgono in un unico spazio temporale.

Il Misogino, vecchio, incontra l’angelo della morte, lo vede in azione. Capisce allora che sta per morire. Sa che la morte non è mai un fatto improvviso, sa che si inizia a morire già quando si prende coscienza delle proprie debolezze ed inadeguatezze e che quindi è un evento che si svolge lentamente, negli anni. Vede l’angelo che lo cerca e assiste, contemporaneamente, anche all’arrivo, in questo appuntamento con il destino, di se stesso, trent’anni prima, ma già in crisi esistenziale, già senza speranze, con un’ anima inutile.

L’antagonista si chiama “donna“ e rappresenta la causa della sua infelicità, delle sue nostalgie, delle sue generosità e nefandezze in vita.  E’ anche l’angelo della morte che è venuto trionfante  per la sua anima che si prenderà con uno scatto fotografico.

AL MOMENTO NON DISPONIBILE IN LIBRERIA RIBELLE, COMPRALO SU AMAZON ANCHE IN VERSIONE EBOOK

 

AMAZON

 

COD: ‎9798767742196 Categorie: ,

Descrizione

Il protagonista è un misogino. L’azione richiama diversi e distinti periodi della sua vita, la fanciullezza, la gioventù, la maturità e la vecchiaia. Importanti l’azione inziale e l’azione finale del racconto che si svolgono in un unico spazio temporale.

Il Misogino, vecchio, incontra l’angelo della morte, lo vede in azione. Capisce allora che sta per morire. Sa che la morte non è mai un fatto improvviso, sa che si inizia a morire già quando si prende coscienza delle proprie debolezze ed inadeguatezze e che quindi è un evento che si svolge lentamente, negli anni. Vede l’angelo che lo cerca e assiste, contemporaneamente, anche all’arrivo, in questo appuntamento con il destino, di se stesso, trent’anni prima, ma già in crisi esistenziale, già senza speranze, con un’ anima inutile.

L’antagonista si chiama “donna“ e rappresenta la causa della sua infelicità, delle sue nostalgie, delle sue generosità e nefandezze in vita.  E’ anche l’angelo della morte che è venuto trionfante  per la sua anima che si prenderà con uno scatto fotografico.