Teste di covid – Quando l’imponderabile mette a nudo le debolezze umane

15,00 

Il racconto si sviluppa nell’arco temporale compreso tra la fine di gennaio e dicembre 2020. Il protagonista è l’autore, infermiere sulle ambulanze del 118, che, a causa di un problema cardiaco durante il suo turno di lavoro, è costretto ad un riposo forzato per diverse settimane.

La sua vita improvvisamente viene stravolta, costringendolo ad osservare la realtà da un altro punto di vista: da infermiere a paziente, da colui che assiste ad colui che deve essere assistito. Questa nuova modalità di osservazione gli permette, durante lo scorrere dei mesi, di analizzare le reazioni e i comportamenti, a volte divertenti altre volte grotteschi, delle persone durante la pandemia di COVID-19. Sempre nello stesso arco temporale, l’autore riporta le proprie inquietudini e riflessioni, raccoglie testimonianze forti, racconti coinvolgenti ed esperienze di colleghi e amici che, per attività ed esperienze diverse, hanno vissuto il primo anno pandemico cercando di trasmettere la moltitudine di emozioni che hanno e abbiamo provato in quest’anno e dal qual quale, in maniera diretta o indiretta, nessuno è stato risparmiato.

Dopo essere stato in panchina per nove mesi il protagonista ritorna operativo sul campo, vivendo in prima persona quello che il COVID-19 aveva lasciato nelle persone: rabbia, disorientamento, impotenza e insicurezza.

Il racconto volutamente non parla della malattia né di eroi, ma solo di persone, dell’impatto emotivo e il disagio psicologico che il COVID-19 ha avuto nella loro vita personale e lavorativa, nei rapporti personali ed interpersonali, come stanno reagendo le persone e la società a questo periodo.

Rimanendo al di sopra della parti, il protagonista propone un modo diverso, a volte anche leggero, di osservare il mondo attorno a noi, inserendo molti spunti di riflessione e di introspezione, affinché il lettore possa crearsi un pensiero critico dandosi anche delle risposte personali.

 

 

AL MOMENTO NON DISPONIBILE IN LIBRERIA RIBELLE, LO TROVI SU AMAZON

 

 

AMAZON

 

 

Autore: Massimo Curti
COD: ‎9788895856148 Categorie: , ,

Descrizione

Il racconto si sviluppa nell’arco temporale compreso tra la fine di gennaio e dicembre 2020. Il protagonista è l’autore, infermiere sulle ambulanze del 118, che, a causa di un problema cardiaco durante il suo turno di lavoro, è costretto ad un riposo forzato per diverse settimane.

La sua vita improvvisamente viene stravolta, costringendolo ad osservare la realtà da un altro punto di vista: da infermiere a paziente, da colui che assiste ad colui che deve essere assistito. Questa nuova modalità di osservazione gli permette, durante lo scorrere dei mesi, di analizzare le reazioni e i comportamenti, a volte divertenti altre volte grotteschi, delle persone durante la pandemia di COVID-19. Sempre nello stesso arco temporale, l’autore riporta le proprie inquietudini e riflessioni, raccoglie testimonianze forti, racconti coinvolgenti ed esperienze di colleghi e amici che, per attività ed esperienze diverse, hanno vissuto il primo anno pandemico cercando di trasmettere la moltitudine di emozioni che hanno e abbiamo provato in quest’anno e dal qual quale, in maniera diretta o indiretta, nessuno è stato risparmiato.

Dopo essere stato in panchina per nove mesi il protagonista ritorna operativo sul campo, vivendo in prima persona quello che il COVID-19 aveva lasciato nelle persone: rabbia, disorientamento, impotenza e insicurezza.

Il racconto volutamente non parla della malattia né di eroi, ma solo di persone, dell’impatto emotivo e il disagio psicologico che il COVID-19 ha avuto nella loro vita personale e lavorativa, nei rapporti personali ed interpersonali, come stanno reagendo le persone e la società a questo periodo.

Rimanendo al di sopra della parti, il protagonista propone un modo diverso, a volte anche leggero, di osservare il mondo attorno a noi, inserendo molti spunti di riflessione e di introspezione, affinché il lettore possa crearsi un pensiero critico dandosi anche delle risposte personali.